Italiano

Protezione Civile

Sindaco: Dott. Mario Romolo PISCHEDDA

coordinatore: Carlo Del Stabile

assessore delegato: Carlo Del Stabile

È un sistema organizzato e coordinato di uomini e mezzi in grado di svolgere un'efficace e tempestiva opera di previsione, prevenzione, intervento e ripristino, a tutela dell'integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell'ambiente, dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi.

Il volontariato regionale di Protezione civile del Friuli Venezia Giulia nasce in uno dei momenti più bui della storia della nostra Regione: il terremoto del 6 maggio del 1976, in seguito al quale la voglia di fare, “di dare una mano” di migliaia di persone hanno permesso di mettere in moto quella “macchina” della solidarietà, su cui si è fondato tutto l'impegno per promuovere la ricostruzione.

Tale esperienza ha messo in evidenza l'importanza dell'apporto di persone che volontariamente e gratuitamente si mettono a servizio della società in momenti di emergenza; proprio il ruolo cruciale svolto dal volontariato in queste situazioni ha spinto la nostra Regione a valorizzare questa forza, al servizio della tutela dell'incolumità della collettività, pensando ad un volontariato di protezione civile non più improvvisato sulla base di spinte emozionali, ma strutturato ed inserito in un Sistema regionale integrato di protezione civile.

L'ATTIVITÀ DI PROTEZIONE CIVILE

Le attività della Protezione Civile sono volte alla previsione e prevenzione delle varie ipotesi di rischio, al soccorso delle popolazioni sinistrate ed ogni altra attività necessaria ed indifferibile diretta a superare l'emergenza. Devono armonizzarsi, in quanto compatibili con le necessità imposte dall'emergenza, con i programmi di tutela e risanamento del territorio.

  • La Previsione. Consiste nell'attività diretta allo studio ed alla determinazione delle cause dei vari fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi ed alla individuazione delle zone del territorio soggette ai rischi stessi;

  • La Prevenzione. Consiste nelle attività volte ad evitare o ridurre al minimo la possibilità che si verifichino danni conseguenti agli eventi descritti precedentemente, anche sulla base delle conoscenze acquisite nelle attività di previsione;

  • L' Intervento Consiste nell'attuazione degli interventi diretti ad assicurare alle popolazioni colpite dagli eventi calamitosi ogni forma di assistenza primaria;

  • Il Ripristino Consiste unicamente nell'attuazione, coordinata con gli organi istituzionali competenti, delle iniziative necessarie e indilazionabili volte a rimuovere gli ostacoli della ripresa alle normali condizioni di vita.

LA PROTEZIONE CIVILE A VILLA VICENTINA

Componenti:
Carlo DEL STABILE, Gabriele DE LEONARDIS, Antonio DELLE DONNE, Igino DREASSI, Lino FACHIN, Cristina FRANCO, Francesco IACUMIN, Flavio MULLONI, Mauro PARO, Alessandra PELLIS, Riccardo POHLEN, Gianmarco RUSSELLO, Ettore SANDRIN, Ennio STABILE, Giorgio STABILE, Pierangelo UMANA. Il Coordinatore è Carlo Del Stabile.

Il Gruppo dei Volontari di Protezione Civile del Comune di Villa Vicentina è stato formato nell'anno 1990, ed è iscritto nell'elenco regionale delle associazioni di volontariato con finalità di protezione civile dal 01.01.1993, al n. 143/92, per il settore "tecnico - logistico".
Dal 1996 fa parte del Distretto Destra Torre, composto di sette comuni: Aiello del Friuli, Campolongo al Torre, Ruda, San Vito al Torre, Visco e Tapogliano, che attualmente svolge le funzioni di Comune capofila.

Il Gruppo svolge numerose attività. Oltre al quelle canoniche di addestramento e mantenimento in efficienza delle dotazioni, esso porta a termine anche numerose operazioni di prevenzione e di monitoraggio del territorio. Coadiuva, in caso di necessità, la viabilità e varie attività di utilità sociale e pubblica. Numerosissimi, nel corso degli anni, gli interventi anche in campo nazionale ed internazionale.

Tra gli interventi di maggior rilievo si segnalano le prestazioni a Pordenone, in Val Canale e Val del Ferro per le alluvioni, in Molise per il terremoto di San Giuliano di Puglia, a Roma per le esequie di Papa Giovanni Paolo II, in Albania per l'emergenza umanitaria dei profughi kosovari.

Accanto a questi interventi, la Squadra Comunale di Protezione Civile svolge numerose attività nell'ambito del territorio Comunale, sia con interventi più propri di Protezione Civile, quali ad esempio il taglio di alberi pericolanti, lo spargimento di sale per evitare la formazione di ghiaccio o la ricerca di persone scomparse, sia di supporto alle Istituzioni ed alle varie Associazioni operanti in Paese, garantendo ove necessario interventi di viabilità, montaggio di strutture ed ogni altro intervento richiesto.

Sede

Sede operativa e Ufficio logistico presso la Sala Polifunzionale, sita in Piazza Colpo. Adiacente ad essa è stata ultimata ad ottobre 2010 la Sede di allocamento, con annesso deposito per gli automezzi e le attrezzature in dotazione. I lavori di completamento hanno compreso il completo rifacimento della viabilità di accesso alla sede e di tutta la piazza.

Il 31 ottobre 2010, alla presenza del Direttore Generale della Protezione Civile dottor Guglielmo BERLASSO, dei Sindaci, degli Assessori delegati e di numerosi volontari dei Comuni facenti parte del Distretto DESTRA TORRE e della Bassa Friulana, si sono tenuti l'inaugurazione della sede di Piazza Colpo ed i festeggiamenti per il ventennale di fondazione della Squadra Comunale.

Numeri utili

  • Sede operativa

    Videotelefono 0431-96179

    Fax 0431-967763

  • Uffici comunali

  • Emergenze

    Coordinatore Carlo Del Stabile 335-1079245

    Caposquadra Giorgio Stabile

Attrezzature in dotazione

  • Autocarro Volkswagen Transporter a trazione anteriore - 6 posti

  • Carrello rimorchio - portata 400 kg

  • Motosaldatrice Bombardini / Zanardi - potenza 5 kVA

  • Torre faro Tower-Light TF 5,5 - 4 fari

  • Motopompa Varisco J70 TWMLAHTS - portata 1000 l/min