Italiano

Assegno di Maternità regionale

Che cosa sono?
Sono degli aiuti economici finalizzati all'incremento demografico e sostegno alla maternità.

L.R. 4/2001, art.4, comma 60. La Direzione Regionale ha disposto la concessione di benefici economici per i parti avvenuti a partire dal 1° gennaio 2001.

Le tipologie di interventi previsti sono le seguenti:

a) assegno di £. 3.000.000 per la nascita del primo figlio a favore di donne che non beneficiano del trattamento previdenziale di indennità di maternità I requisiti richiesti per poter beneficiare del contributo economico sono i seguenti:

· cittadinanza italiana e residenza da almeno 12 mesi in regione o appartenenza ad un nucleo familiare in cui almeno uno dei coniugi sia cittadino italiano residente da almeno un anno in regione.

· Reddito imponibile del nucleo familiare non superiore a £. 50.000.000 nell'anno precedente a quello della nascita del figlio.

· La madre non deve beneficiare di trattamenti previdenziali di indennità di maternità.

b) Assegno di £. 6.000.000 per la nascita del secondo figlio.

c) Assegno di £. 9.000.000 per la nascita di ciascun figlio successivo al secondo.

d) Assegno di £. 10.000.000 per ogni nato in caso di parto gemellare.

e) Assegno mensile per ciascun figlio successivo al secondo.

Gli assegni spettano a condizione che:

· Almeno uno dei coniugi sia cittadino italiano residente nella regione da almeno un anno.

· Il nucleo familiare sia costituito da genitori uniti in matrimonio

· Il nucleo familiare abbia un reddito non inferiore alla pensione minima INPS e non superiore a £. 90.000.000.

f) assegno per adozione di £. 3.000.000 spettante ai nuclei familiari in cui almeno uno dei coniugi sia cittadino italiano residente nella regione da almeno un anno, in caso di adozione di un bambino di età non superiore ai 10 anni.

L'assegno spetta se ricorrono le condizioni di reddito minimo e massimo sopra indicate.

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza entro 6 mesi dalla data del parto.

L'assegno verrà successivamente erogato dal Comune (finanziamento regionale)

a chi risulterà rientrante nel beneficio.

Esiste inoltre anche un altro tipo di finanziamento a sostegno della maternità, previsti dalla Legge 448/98. Si tratta in questo caso di finanziamenti statali.

Sono previsti due tipi di assegni:

1) Assegno di maternità art.66 L. 448/98.

2) Assegno per i nuclei familiari con almeno tre figli minori art.65 L. 448/98.

1) Assegno di maternità art.66 L.448/98

L'at.66 della Legge 448/98, modificato dalla Legge 144/99, prevede la concessione da parte dell'Amministrazione Statale di un assegno di maternità dell'importo massimo di £. 2.500.000, a favore di madri di bambini nati, in affidamento preadottivo o in adozione senza affidamento dal 1°.01.2001.

I requisiti richiesti per poter beneficiare del contributo economico sono i seguenti:

a) cittadinanza italiana (o cittadine comunitarie o in possesso della carta di soggiorno).

b) Residenza nel Comune.

c) Condizioni economiche del nucleo familiare (calcolate come da D.L. n.109/98 e pertanto composte sia dalla situazione reddituale che patrimoniale) inferiore a £. 52.120.800 per un nucleo composto da 3 persone.

d) Sono previste delle maggiorazioni in relazione al numero dei componenti e alla loro tipologia (per esempio assenza del coniuge, presenza di portatori di handicap, ecc.).

e) La madre non deve essere beneficiaria di trattamenti previdenziali di maternità oppure tali trattamenti devono essere inferiori all'importo di £. 2.500.000.

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza entro 6 mesi dalla data del parto.

L'assegno verrà successivamente erogato dall'INPS a chi risulterà rientrante nel beneficio.

2) Assegno ai nuclei - art.66 L. 448/98

L'art.65 della Legge 448/98, modificato dalla Legge 144/99, prevede la concessione di un assegno per i nuclei familiari con almeno 3 figli minori, determinato per l'anno 2001 nell'importo annuo massimo di £. 2.710.279.

I requisiti richiesti per poter beneficiare del contributo economico sono i seguenti:

f) cittadinanza italiana

g) Residenza nel Comune.

h) Condizioni economiche del nucleo familiare (calcolate come da D.L. n.109/98 e pertanto composte sia dalla situazione reddituale che patrimoniale) inferiore a £. 37.526.976 per un nucleo composto da 5 persone.

i) Sono previste delle maggiorazioni in relazione al numero dei componenti e alla loro tipologia (per esempio assenza del coniuge, presenza di portatori di handicap, ecc.).

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello per il quale è richiesta la prestazione.

L'assegno verrà successivamente erogato dall'INPS a chi risulterà rientrante nel beneficio.

Come si accede ai benefici?

E' necessario presentare domanda al Comune di Villa Vicentina.