Italiano

Contrassegno invalidi

Tutte le persone invalide con capacità deambulatoria ridotta (sia permanente che temporanea) possono richiedere il rilascio dell'apposito "contrassegno invalidi".

Come ottenere il rilascio

Documentazione:

- modello richiesta
- certificazione medica all'Azienda per i Servizi Sanitari di appartenenza, o verbale della Commissione medica appositamente rilasciato;

presentare la domanda, allegando la documentazione, presso l'ufficio segreteria e servizi demografici.

In caso di invalidità permanente, il contrassegno avrà validità quinquennale (la scadenza viene indicata sullo stesso), mentre nel caso di invalidità temporanea, la data di scadenza corrisponderà a quella indicata dalla certificazione sanitaria.

Come usare il tagliando

Tale autorizzazione consente alle persone invalide di:

- sostare con le vetture negli appositi spazi contrassegnati da segnaletica orizzontale gialla e verticale (Divieto di Sosta. Sosta consentita alle persone invalide);

- transitare e sostare nelle zone a traffico limitato;

- sostare nonostante il divieto di sosta indicato con apposito segnale verticale o orizzontale, purché ciò non costituisca grave pericolo o intralcio per la circolazione;

- sostare nelle zone a sosta regolamentata, senza l'obbligo di rispettare i limiti temporali.

Tale contrassegno è personale e deve essere usato esclusivamente se la persona invalida è presente nel veicolo al momento dell'utilizzo.

Dove non è possibile utilizzare il tagliando

Non è utilizzabile per derogare ai divieti di sosta di cui agli artt. 157 e 158, infatti tali articoli vietano la fermata e la sosta laddove esiste una segnaletica verticale o semaforica, e in modo da non occultarne la vista, in prossimità di corsie di canalizzazione ed in corrispondenza o in prossimità di aree d'intersezione (incroci), davanti ai passi carrabili, in seconda fila, sui passaggi pedonali e sui marciapiedi.

Il contrassegno ha validità su tutto il territorio nazionale.

Cosa succede se non c'è la persona invalida nel veicolo

Avvalersi delle suddette facilitazioni con il veicolo che, anche se munito dello speciale contrassegno non sia condotto ovvero non sia al servizio della persona invalida, comporterà l'applicazione delle sanzioni di cui agli artt. 158 comma 2 e 6 e 188 comma 4.

Se il parcheggio riservato è occupato da una sosta abusiva

Nel caso di sosta abusiva dei non aventi diritto entro i posti di parcheggio riservati agli invalidi e regolarmente segnalati, gli organi di vigilanza possono rimuovere i veicoli ai sensi del nuovo Codice della Strada (art. 158 comma 2).